Loading...

zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso Instagram-prof Tutti abbiamo dentro delle storie stupende. Io aiuto a raccontarle con immagini e parole 🎹+🐱+β˜•οΈ http://martapavia.com/
2,164 posts
40,000 followers
1,503 following

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Alle medie tutti avevano i jeans di marca e le tute di brand sportivi, e io indossavo ancora fuseaux a fiori e calzettoni di spugna. alle superiori, per non uniformarmi alla massa, mettevo gli anfibi anche d’estate e compravo al mercato gonnellone made in india che odoravano di incenso. per molti anni sono stata divisa tra il desiderio inconfessabile di somigliare agli altri e l’esigenza di dimostrare a tutti che io ero diversa.
🌸
se sono felice di aver superato i trent’anni è anche perché ora posso mettermi questi meravigliosi sandali boho-chic, sedermi su un pianoforte e ricordarmi che possiamo indossare gonne a fiori, tacchi a spillo, pigiami di pile, costumi striminziti, maglioni extralarge, giacche della nonna o perfino darci al nudo integrale. perché la cosa stupenda è che non solo possiamo infilare braccia e gambe in tutti gli abiti che vogliamo, ma in effetti possiamo essere tutto quello che vogliamo.
🌈
[queste meravigliose scarpe di sughero, comode più di quanto io possa raccontare a parole, le trovate sullo shop di @grunlandshoes linkato nelle mie stories in evidenza. fateci un giro perché ci sono cose stupende! #grunlandlovers *ad per #grunlandshoes #grunland]
177 2,407 2 weeks ago

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
[foto spontanee vs costruite]
l’estetica di instagram è morta: questo dice un articolo uscito qualche settimana fa su @theatlantic. la gente è stufa dei cupcake con la glassa rosa, delle peonie e delle tartine all’avocado. le muse degli adolescenti americani postano foto esplicitamente di cattivo gusto, come @ewww_its_joana, o vestono outfit scalcagnati per le periferie di atlanta, come @double3xposure. per non parlare della campagna di @guccibeauty sui rossetti, che mostra dentature imperfette e foto dall’aria amatoriale anni ’70. il pubblico oggi desidera la spontaneità, la vita vera, le foto non ritoccate.
πŸ€”
anche se amo le foto “carine”, mi è parso ragionevole: mi adeguerò, ho pensato, e ho cercato subito uno scatto un po’ casuale da pubblicare (questo l’avevo fatto per mostrarvi la stupenda maglietta ricamata a mano da @chicala.handmade ). poi però ci ho riflettuto un po’: la foto “fatta male” è comunque frutto di una serie di scelte. l’inquadratura già di per se seleziona la realtà, poi c’è la posa della modella e la scelta, tra tanti, dello scatto da pubblicare. inoltre la decisione di tenersi lontani da certi canoni non è essa stessa un limite? nel brevissimo periodo in cui ho lavorato per un’agenzia milanese nel mondo del fashion ho faticato moltissimo a comprendere ciò che è “bello” per gli stilisti, i fotografi di moda, i make up artist e ho imparato che, un po’ come avviene nella musica indipendente, esiste un preciso canone anche per ciò che deve essere (o meglio apparire) di “serie b”.
✨
poi c’è un’altra questione che mi sta molto a cuore. le immagini belle, da sole, forse non servono a nulla. ma se noi le usiamo per far arrivare il nostro messaggio al mondo, quale che sia, allora ben vengano i flatlay ordinati e i paesaggi dai toni pastello. se servono per aiutare gli altri a ritrovare la vena creativa, a scegliere la gonna ideale, a ideare giochi per bambini, a applicare correttamente lo smalto, a riflettere sulle proprie paure, a cucinare una crostata, a scegliere la meta del prossimo viaggio. a confrontarsi. a comunicare. e allora siano lodati pure i filtri arancioni, i cappuccini finti e gli avocado toast! πŸ₯‘
279 2,498 3 weeks ago

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Ci sono passata anch’io. per anni ho speso tutte le mie energie nelle foto e sostenendo che le didascalie non aggiungessero nulla all’immagine. la verità è che quel rettangolino bianco vicino alla foto, proprio a fianco del pulsante “pubblica”, mi sembrava poco più che un ostacolo fastidioso. un passaggio inutile che si frapponeva tra me e il mio pubblico, che certamente (o meglio, auspicabilmente) avrebbe visto la mia foto e l’avrebbe apprezzata. di come poi io stessi ad aggiornare mille volte la pagina delle notifiche, che non arrivavano mai, per poi decidere a volte di cancellare il post, perché non era stata abbastanza amato (tutto questo prima del fatidico “cambio di algoritmo”) ne parleremo un’altra volta. πŸ™ˆ quello che voglio dire è che per molti anni anch’io non ho saputo cosa scrivere sotto le foto. era come se le parole che avevo da dire non riuscissero a scavalcare quel maledetto cursore lampeggiante sul display. neanche a pagare oro.
poi, a un certo punto, mi sono sbloccata. ed è successo una sera d’estate, dopo una lunga passeggiata per le strade di torino. ed è successo insieme a lorenzo, @latatamaschio, ora collega e compagno di stupende avventure lavorative. per questo quando ho deciso di fare un corso di storytelling per instagram, che non si limitasse alle immagini ma riguardasse anche quel momento magico in cui le parole diventano storie, ho deciso che non avrei potuto farlo con altri che con lui. il nostro primo workshop #hounastoriaperte è stato esattamente un anno fa, e il prossimo sarà il 26 maggio a milano, tra le mura e le grandi finestre dello splendido @fusillolab. c’è ancora qualche posto e io spero davvero di incontrarvi lì, a scattare foto, scrivere parole, scambiare sorrisi. le questioni pratiche e burocratiche le potete sbrigare con lorenzo (santo subito!) al link in bio ⬆️
171 1,687 5 weeks ago

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Oggi, per moltissime persone, è festa: ederlezi, la festa di san giorgio, celebrata soprattutto dai rom di origine balcanica. è festa anche per la meravigliosa @morenarimbaud, che qualche tempo fa, qui su instagram, mi ha fatto un regalo dal valore inestimabile: mi ha regalato una storia. morena è giovanissima, scrive strabene, e mi ha scritto in direct questa leggenda tradizionale, così bella che fa piangere, così rara che neanche il signor google ve la potrebbe raccontare.
🌸
ci fu e non ci fu (tutte le favole rom iniziano così) una giovane donna, jasmina, che perse il suo unico figlio ancora in fasce a causa di una carestia. il dolore era tanto che la madre pregò la fata mautìa di farla diventare nuovamente madre. la fata mautìa accettò, a patto però, che jasmina superasse una serie di prove…
[il resto lo trovate sul mio blog, al link in bio ⬆️]
#hounastoriaperte
138 2,165 last month

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Istanbul non ti resta nel cuore. ti resta proprio in tutto il corpo, dalla cima della testa alle piante dei piedi.
sulla lingua, ad esempio, conservo il sapore polveroso del caffè, quello salato dell’ayran, quello sorprendentemente delicato del cibo che immaginavo, per ignoranza, piccante e speziato.
negli occhi mi porto i colori pastello delle case di balat, il profilo inconfondibile dei minareti, la sagoma delle parole lette in strada, prima incomprensibili e poi, poco a poco, sempre più familiari.
sui capelli mi tengo il peso lieve del velo che ho indossato la sera che ci siamo inginocchiati, ancora non mi spiego come, a condividere il cibo con una piccola comunità sufi che abbiamo osservato pregare e danzare.
sulle labbra, invece, serbo il suono rotondo di certe vocali, il bordo sottile della tazzina di çay, il sorriso che mi è rimasto dopo aver ringraziato in turco, per la prima volta, una donna anziana nel bagno di una moschea (teşekkürler!).
sulle dita custodisco l’aksak in nove della musica tradizionale, così difficile da contare (non per niente il nome di questo ritmo vuol dire “zoppo”!) e nelle orecchie il suono metallico del bağlama, quello dolcissimo del duduk, la cantilena onnipresente del richiamo alla preghiera, l’ezan.
sotto i piedi, infine, la sensazione di percorrere i tappeti azzurri della küçük (piccola) aya sofya, quasi vuota, mentre i bambini giocano e pochi adulti sono inginocchiati a leggere o pregare.
πŸ•Œ
e poi ci sono le persone con cui ho condiviso strade, timori, parole, cibo, risate, che poi sono il viaggio: l’incontenibile e energica @margiritis_95, il riflessivo e vorace @dududadadadu, l’amabile e creativo fefè (ancora immune al fascino di instagram) e @dariodeseppo, prezioso compagno di vita e di strada. non ultimo, naturalmente, l’amico e maestro @elpugna_musicherrando, che ha la capacità, tra le altre, di accompagnarti in una metropoli cosmopolita sospesa tra due continenti e di raccontartela con ironia e dolcezza fino a quando non ti senti a casa.
cari compagni di viaggio, lo so, inizio a fare confusione con questa storia delle parti del corpo ma ci tengo a dirvi una cosa: lo spazio rimasto nel cuore è tutto quanto per voi. πŸ’—
139 2,124 last month

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
La “tampa” era un piccolo stagno artificiale vicino alla mia casa d’infanzia. d’inverno si trasformava in un blocco di ghiaccio marroncino e quando nevicava si ricopriva di una coltre bianca. d’estate, semplicemente, si seccava, rivelando una distesa di zolle argillose separate da solchi profondi. in primavera, però, scoppiava di vita e allora io mi accucciavo sulla riva, tra i segni lasciati dalle ruote dei trattori, a osservare gli insetti camminare come per magia sul pelo dell’acqua. un paio di volte, con un barattolo bormioli, ho portato a casa dei girini che onestamente non ricordo di aver mai visto trasformarsi in rane.
oggi, mentre percorro i pavimenti del mio studio con queste ciabattine di feltro, sorrido ai ragnetti e ai moscerini che trovo vicino alle piante, che la natura qua in città, per abbracciarla, devi andartela a cercare, e mi stupisco un po’ a provare nostalgia, e forse perfino affetto, per una piccola pozza d’acqua melmosa. #botanicalwomen 🌿
le scarpine, di sughero e pura lana, sono di @grunlandshoes e se le provate non potrete che amarle. trovate il codice sconto zuccaviolina10 e il link allo shop nelle mie stories in evidenza intitolate grunland (se non siete in mood da ciabatte ci sono anche delle sneakers e degli zoccoli adorabili 😍 ve li mostro nelle stories!) #grunlandlovers ad per #grunlandshoes #grunland
92 1,859 April 2019

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
è arrivato uno zaino carico carico di... hashtag! sul blog trovate un post straripante di petali e voglia di raccontare. dopo averlo letto, se vi va, tornate qua a dirmi cosa ne pensate. 🌸
come sempre, link in bio ⬆️
#laprimaveraconimieiocchi #feliceadesso 🌼
[si chiamano hashtag della primavera perché avevo saltato il post sugli hashtag di marzo, e così ho recuperato con una bella infornata unica ad aprile πŸ˜…πŸŒΈ]
164 2,231 April 2019

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Da bambina ero rimasta folgorata dalla ragazza di una pubblicità. lei a un certo punto dello spot tirava indietro i capelli lisci del caschetto con la mano destra e rivolgeva al pubblico un sorriso smagliante. “un giorno avrò quella bellezza, quella sicurezza, quei denti”, pensavo ogni volta che la vedevo. qualche ora fa, restituendo lo sguardo al mio riflesso in una vetrina ho pensato che c’è una ragazza-della-pubblicità un po’ in tutti gli ambiti della nostra vita: un modello inarrivabile, un sogno che allo stesso tempo spaventa e attira e forse il problema è solo che quel sogno non è il nostro. che forse iniziamo a scrivere la nostra storia la mattina in cui osserviamo quei capelli ricci, quel sorriso vagamente irregolare, quei jeans che saremo per sempre costrette ad accorciare e realizziamo che la sensazione più preziosa del mondo è proprio questa: riconoscerci. #hounastoriaperte #feliceadesso #uncorpocheama
123 2,310 March 2019

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Sono anni che ho nella testa la sceneggiatura di un improbabile cortometraggio nel quale una ragazza apre gli occhi, la mattina, e parte una musica al pianoforte: la sua musica. lei fa colazione, esce di casa, e la sua personale colonna sonora la segue ovunque vada intrecciandosi con quelle delle persone che le passano di fianco: un’anziana che compra le arance a ritmo di mazurca, un neonato che gorgheggia nella culla su un’aria di bach, una suora che attraversa la strada accompagnata da potenti chitarre heavy metal. quando ho letto la frase su questo poster di @desenio mi è tornato in mente questo delirante e irrealizzabile progetto cinematografico, insieme a una certezza: se pensieri, azioni e sogni avessero un suono, ognuno di noi danzerebbe davvero a rimo della propria unica, irripetibile canzone. #feliceadesso #ad #desenio 🎡
e ora la buona notizia: il codice zuccaviolina25 vi permette di comprare gli stupendi poster di @desenio con il 25% di sconto ed è valido dal 19 al 21 marzo. non vale solo sui poster delle categorie “handpicked”, “collaborations” e “personalizzati”. se come me non avete idea di come abbinare i poster, sul loro profilo trovate un sacco di composizioni stupende per farvi ispirare! 😍
57 1,799 March 2019

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Tre anni fa ancora non ero una libera professionista ma sono andata lo stesso al freelance day di @toolboxcoworking a torino. ero ammirata: quante persone ambiziose e creative prendevano appunti sulle sedie intorno a me! quante competenze e entusiasmo fluttuavano nell’aria e trasudavano letteralmente dalle slide! lì ho conosciuto @carlottacabiati, che ora è la mia commercialista e forse non gliel’ho mai detto, ma quel giorno mi ha aiutata capire che cosa desideravano fare le mie mani il mio cuore.
la cosa incredibile è che questo sabato, il 23, sarò alla quinta edizione del freelance day come relatrice! alle 14.30, per mezz’ora, parlerò di instagram e in particolare di quali sono i numeri che contano davvero (spoiler: non sono i follower!). me lo mandate un vagone di good vibes? πŸ™ˆπŸŒΈ #feliceadesso #signsofspring
128 2,401 March 2019

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
E così ho un logo. 😍 l’ha fatto una persona eccezionale, che cattura la magia che permea il mondo la trasforma in disegni: certo, sto parlando di clarissa @segui_le_briciole. mi sono sentita compresa fin dal primo minuto e lavorare con lei è stato naturale come un soffio di vento (andate sul suo profilo e vedrete che il paragone non è casuale 🎡). c’è semplicemente tutto quello che sono: i fiori, il tè, le note, perfino qualche lucina di natale. scorrete verso destra e ditemi se non è vero 🌸 #feliceadesso #selfiesforintroverts
251 3,269 March 2019

@zuccaviolina

Marta Pavia - #feliceadesso
Stasera mi è tornata in mente una lezione che avevo seguito all’università: quella sugli atti linguistici. gli atti linguistici sono quelle frasi in cui le parole non si limitano a descrivere qualcosa, ma compiono materialmente un’azione. “ti nomino presidente”, “vi dichiaro marito e moglie”, “ti perdono”: sono solo frasi, ma dopo che sono state pronunciate la realtà è materialmente diversa da come era prima. ecco, io credo in una comunicazione che fa questo: cambia concretamente la vita delle persone. desidero un mondo in cui non ci raccontiamo per necessità di marketing, o peggio, per cinismo o conformismo, ma nel quale le nostre immagini e parole sono sincere, generose, pacifiche, e rendono la terra un posto un pochino migliore. 🌸
[ci sono novità di branding in casa-zucca, presto ve ne faccio vedere una made in @segui_le_briciole 😍]
#feliceadesso #botanicalwomen
160 4,446 March 2019